Portada » Questo motore di ricerca basato sull’intelligenza artificiale può sostituire Google? Lo è per me.

Questo motore di ricerca basato sull’intelligenza artificiale può sostituire Google? Lo è per me.

by Isabella Walker
0 comment

Per tutta la mia vita adulta, ogni volta che avevo una domanda sul mondo o avevo bisogno di rintracciare qualcosa online, andavo su Google per trovare risposte.

Ma recentemente sono uscito su Google con un nuovo motore di ricerca basato sull’intelligenza artificiale. (No, non Bing, che per me è morto dopo aver tentato di mandare in pezzi il mio matrimonio l’anno scorso.)

Si chiama Perplessità. Il motore di ricerca nato un anno fa, i cui fondatori avevano precedentemente lavorato nella ricerca sull’intelligenza artificiale presso OpenAI e Meta, è rapidamente diventato uno dei prodotti più chiacchierati nel mondo tecnologico. Addetti alla tecnologia ne sono entusiasta sui social media, e investitori come Jeff Bezos – che è stato anche uno dei primi investitori in Google – lo hanno inondato di denaro. La società ha recentemente annunciato di aver raccolto 74 milioni di dollari in un round di finanziamento guidato da Institutional Venture Partners, che ha valutato la società a 520 milioni di dollari.

Molte start-up hanno provato, senza riuscirci, a sfidare Google nel corso degli anni. (Un potenziale concorrente, Neeva, ha chiuso l’anno scorso dopo non essere riuscito a guadagnare terreno.) Ma Google sembra meno invincibile in questi giorni. Molti utenti si sono lamentati del fatto che i loro risultati di ricerca di Google sono stati intasati da siti Web di spam e di bassa qualità, e alcune persone hanno invece iniziato a cercare risposte in posti come Reddit e TikTok.

Incuriosito dall’hype, di recente ho trascorso diverse settimane utilizzando Perplexity come motore di ricerca predefinito sia su desktop che su dispositivi mobili. Ho testato sia la versione gratuita che il prodotto a pagamento, Perplexity Pro, che costa $ 20 al mese e offre agli utenti l’accesso a modelli di intelligenza artificiale più potenti e ad alcune funzionalità, come la possibilità di caricare i propri file.

Dopo centinaia di ricerche, posso segnalare che, anche se Perplexity non è perfetto, è molto buono. E anche se non sono pronto a rompere del tutto con Google, ora sono più convinto che i motori di ricerca basati sull’intelligenza artificiale come Perplexity potrebbero allentare la presa di Google sul mercato della ricerca, o almeno costringerlo a recuperare terreno.

Ho anche paura che i motori di ricerca basati sull’intelligenza artificiale possano distruggere il mio lavoro e che l’intero settore dei media digitali possa crollare a causa di prodotti come questi. Ma sto andando troppo avanti.

A prima vista, l’interfaccia desktop di Perplexity assomiglia molto a quella di Google: una casella di testo centrata su una pagina di destinazione sparsa.

Ma non appena inizi a digitare, le differenze diventano evidenti. Quando fai una domanda, Perplexity non ti restituisce un elenco di collegamenti. Invece, esplora il Web per te e utilizza l’intelligenza artificiale per scrivere un riepilogo di ciò che trova. Queste risposte sono annotate con collegamenti alle fonti utilizzate dall’intelligenza artificiale, che appaiono anche in un pannello sopra la risposta.

Ho testato Perplexity su centinaia di domande, comprese domande sugli eventi attuali (“Come è andata Nikki Haley alle primarie del New Hampshire?”), consigli sugli acquisti (“Qual è il miglior cibo per cani per un cane anziano con dolori articolari?”) e domande sulla casa. compiti (“Quanto tempo rimane buono lo stufato di manzo in frigorifero?”).

Ogni volta ricevevo una risposta generata dall’intelligenza artificiale, generalmente lunga un paragrafo o due, cosparsa di citazioni a siti Web come NPR, The New York Times e Reddit, insieme a un elenco di domande di follow-up suggerite che avrei potuto porre, come ad esempio “Puoi congelare lo stufato di manzo per farlo durare più a lungo?”

Una funzionalità impressionante di Perplexity è “Copilot”, che aiuta un utente a restringere la query ponendo domande chiarificatrici. Quando ho chiesto idee su dove organizzare una festa di compleanno per un bambino di 2 anni, ad esempio, Copilot mi ha chiesto se volevo suggerimenti per gli spazi esterni, interni o entrambi. Quando ho selezionato “interno”, mi è stato chiesto di scegliere un budget approssimativo per la festa. Solo allora mi ha fornito un elenco di possibili sedi.

Perplexity consente inoltre agli utenti di effettuare ricerche all’interno di un insieme specifico di fonti, come documenti accademici, video di YouTube o post di Reddit. Questo mi è tornato utile quando stavo cercando come modificare un’impostazione sullo scaldabagno di casa mia. (Cose interessanti, lo so.) Una ricerca su Google ha prodotto una serie di collegamenti poco utili a tutorial fai-da-te, alcuni dei quali erano annunci sottilmente velati per aziende idrauliche. Ho provato la stessa query su Perplexity e ho ristretto la ricerca ai video di YouTube. Perplexity ha trovato il video di cui avevo bisogno per il mio modello esatto di scaldabagno, ha estratto le informazioni rilevanti dal video e le ha trasformate in istruzioni passo passo.

Sotto il cofano, Perplexity funziona sul modello GPT-3.5 di OpenAI insieme al proprio modello AI, una variante del modello open source Llama 2 di Meta. Gli utenti che passano alla versione Pro possono scegliere tra una manciata di modelli diversi, tra cui GPT-4 e Claude di Anthropic. (Ho utilizzato GPT-4 per la maggior parte delle mie ricerche, ma non ho notato molta differenza nella qualità delle risposte quando ho scelto altri modelli.)

La perplessità è anche piacevolmente efficace nell’ammettere quando accade no sapere qualcosa. A volte dava una risposta parziale alla mia domanda, con un avvertimento del tipo “Nei risultati della ricerca non vengono forniti ulteriori dettagli”. La maggior parte dei prodotti di chat basati sull’intelligenza artificiale che ho utilizzato mancano di questo tipo di umiltà: le loro risposte sembrano sicure anche quando dicono sciocchezze.

Durante i miei test, ho trovato Perplexity molto utile per ricerche complicate o aperte, come riassumere articoli di notizie recenti su un’azienda specifica o darmi suggerimenti per ristoranti per appuntamenti serali. L’ho trovato utile anche quando quello che stavo cercando – le istruzioni per il rinnovo del passaporto, ad esempio – era sepolto in un sito web affollato e difficile da navigare.

Ma sono tornato di nascosto su Google per alcuni tipi di ricerche, di solito quando cercavo persone specifiche o cercavo di visitare siti web che già sapevo esistessero. Ad esempio: quando ho digitato “Wayback Machine” nella barra di ricerca del mio browser, sono stato reindirizzato a Perplexity, che ha prodotto un saggio lungo un paragrafo sulla storia di Internet Archive, l’organizzazione che mantiene la Wayback Machine. Ho dovuto cercare un piccolo link di citazione per arrivare al sito web di Wayback Machine, che era quello che volevo in primo luogo.

Una cosa simile è accaduta quando ho chiesto a Perplexity le indicazioni stradali per raggiungere un incontro di lavoro. Google mi avrebbe fornito indicazioni dettagliate da casa mia, grazie alla sua integrazione con Google Maps. Ma Perplexity non sa dove vivo, quindi la cosa migliore che poteva offrirmi era un collegamento a MapQuest.

I dati sulla posizione sono solo uno dei tanti vantaggi che Google ha rispetto a Perplexity. La dimensione è un’altra: Perplexity, che ha solo 41 dipendenti e ha sede in uno spazio di lavoro condiviso a San Francisco, ha 10 milioni di utenti attivi mensili, un numero impressionante per una giovane start-up ma un granello rispetto ai miliardi di Google.

A Perplexity manca anche un modello di business redditizio. Al momento il sito non ha pubblicità e meno di 100.000 persone pagano per la versione premium, ha affermato Aravind Srinivas, amministratore delegato della società. (Il signor Srinivas non ha escluso il passaggio a un modello basato sulla pubblicità in futuro.) E, naturalmente, Perplexity non offre versioni di Gmail, Google Chrome, Google Docs o nessuna delle dozzine di altri prodotti che rendono L’ecosistema di Google è così inevitabile.

Il signor Srinivas mi ha detto in un’intervista che, pur credendo che Google fosse un formidabile concorrente, pensava che una piccola start-up focalizzata avrebbe potuto farla sussultare.

“Ciò che mi rende fiducioso è il fatto che, se volessero farlo meglio di noi, dovrebbero sostanzialmente uccidere il loro stesso modello di business”, ha detto.

Un problema con i motori di ricerca basati sull’intelligenza artificiale è che tendono ad avere allucinazioni o a inventare risposte e talvolta ad allontanarsi dal materiale originale. Questo problema ha tormentato diversi ibridi di ricerca IA, incluso il rilascio iniziale di Bard da parte di Google, e rimane uno dei maggiori ostacoli all’adozione di massa.

Nei miei test, ho scoperto che le risposte di Perplexity erano per lo più accurate o, per essere più precisi, erano accurate quanto le fonti a cui attingevano.

Ho trovato alcuni errori. Quando ho chiesto a Perplexity quando sarebbe stato il prossimo incontro di tennis di Novak Djokovic, mi sono stati forniti i dettagli di un incontro che aveva già terminato. Un’altra volta, quando ho caricato un file PDF di un nuovo articolo di ricerca sull’intelligenza artificiale e ho chiesto a Perplexity di riassumerlo, ho ricevuto il riassunto di un articolo completamente diverso pubblicato tre anni fa.

Srinivas ha riconosciuto che i motori di ricerca basati sull’intelligenza artificiale commettono ancora errori. Ha detto che, poiché Perplexity era un prodotto piccolo e relativamente oscuro, gli utenti non si aspettavano che fosse autorevole come Google – e che Google avrebbe avuto difficoltà a costruire un’intelligenza artificiale generativa nel suo motore di ricerca perché aveva bisogno di mantenere la sua reputazione di accuratezza.

“Diciamo che utilizzi il nostro prodotto e che otteniamo risultati positivi con otto query su dieci. Ne rimarresti colpito”, ha detto il signor Srinivas. “Ora, supponiamo che tu utilizzi il prodotto Google e ottenga solo sette voti su 10. Ti chiederesti: ‘Come può Google ottenere tre domande sbagliate?’”

“Quella asimmetria è la nostra opportunità”, ha aggiunto.

Anche se mi è piaciuto usare Perplexity, e probabilmente continuerò a usarlo insieme a Google, devo ammettere che ho avuto una sensazione di rodimento allo stomaco dopo averlo visto sputare riassunti incontaminati e concisi di notizie, recensioni di prodotti e articoli pratici.

Gran parte dell’economia dei media digitali di oggi si basa ancora su un flusso costante di persone che fanno clic sui collegamenti di Google e ricevono annunci pubblicitari sui siti Web degli editori.

Ma con Perplexity, di solito non è affatto necessario visitare un sito web: l’intelligenza artificiale naviga per te e ti fornisce tutte le informazioni di cui hai bisogno proprio nella pagina delle risposte.

La possibilità che i motori di ricerca basati sull’intelligenza artificiale possano sostituire il traffico di Google – o spingere Google a inserire funzionalità simili nel suo motore di ricerca, come ha iniziato a fare con il suo esperimento di “esperienza generativa della ricerca” – è in parte il motivo per cui molti editori digitali sono terrorizzati in questo momento. È anche uno dei motivi per cui alcuni stanno reagendo, incluso il Times, che lo scorso anno ha citato in giudizio OpenAI e Microsoft per violazione del copyright.

Dopo aver usato Perplexity e aver sentito parlare di prodotti simili sviluppati da altre start-up, sono convinto che le preoccupazioni abbiano ragione. Se i motori di ricerca basati sull’intelligenza artificiale possono riassumere in modo affidabile ciò che sta accadendo a Gaza o dire agli utenti quale tostapane acquistare, perché qualcuno dovrebbe mai più visitare il sito web di un editore? Perché giornalisti, blogger e revisori di prodotti dovrebbero continuare a mettere il loro lavoro online se un motore di ricerca AI è destinato a divorarlo e rigurgitarlo?

Ho esposto queste paure al signor Srinivas, che ha risposto con una schivata diplomatica. Ha ammesso che Perplexity probabilmente invierebbe meno traffico ai siti web rispetto ai motori di ricerca tradizionali. Ma ha affermato che il traffico rimanente sarebbe di qualità superiore e più facile da monetizzare per gli editori, perché sarebbe il risultato di query migliori e più mirate.

Sono scettico su questo argomento e sono ancora nervoso per ciò che riserva il futuro a scrittori, editori e persone che consumano media online.

Quindi per ora dovrò valutare la comodità di usare Perplexity rispetto alla preoccupazione che, usandolo, sto contribuendo alla mia stessa rovina.


You may also like

Leave a Comment