Portada » La Disney rafforza le sue difese con forti guadagni e Taylor Swift

La Disney rafforza le sue difese con forti guadagni e Taylor Swift

by Isabella Walker
0 comment

Le azioni della Disney sono aumentate di oltre il 7% nelle negoziazioni pre-mercato di giovedì, dopo che il colosso dell’intrattenimento ha pubblicato utili trimestrali di successo e ha fatto una serie di annunci che hanno fatto notizia. (Taylor Swift! Fortnite! Un sequel di “Moana”!)

In breve, la House of Mouse ha rafforzato la sua causa contro l’investitore attivista Nelson Peltz, che sta cercando due seggi nel consiglio. La domanda è se ciò basterà a respingere definitivamente il finanziere.

La Disney ha avuto un trimestre eccezionale. Non solo ha superato le aspettative di profitto degli analisti – l’utile per azione nell’ultimo trimestre ha superato le stime del 23% – ma la società ha anche promesso un generoso dividendo e tagliato le perdite di streaming più del previsto, a 138 milioni di dollari.

La società ha inoltre rotto con i precedenti fornendo una guidance sugli utili, prevedendo che i suoi utili per azione per l’intero anno aumenterebbero almeno del 20% rispetto al 2023.

E poi ci sono stati gli annunci a sorpresa:

  • La Disney ha nuovamente cercato di sfruttare la Swift mania ottenendo un taglio esclusivo del film-concerto “Eras Tour” della pop star per Disney+. (L’annuncio del film da parte di Swift ha raccolto sei milioni di Mi piace su Instagram.)

  • La società ha inoltre investito 1,5 miliardi di dollari in Epic Games come parte di un accordo per creare un universo a tema Disney collegato a Fortnite.

  • Disney ha confermato che introdurrà finalmente la versione streaming di punta di ESPN, inclusa la programmazione principale e le scommesse sportive nel 2025.

  • E il colosso dell’intrattenimento ha detto che un sequel di “Moana”, il successo del 2016 che secondo Nielsen è stato il film più trasmesso in streaming dell’anno scorso, sarebbe uscito nei cinema a novembre.

Bob Iger, il capo della Disney, ha strombazzato i risultati, e ha suggerito che queste mosse fossero in cantiere prima che Peltz iniziasse la sua ultima campagna attivista.

“Solo un anno fa, abbiamo delineato un piano ambizioso per riportare la Walt Disney Company a un periodo di crescita sostenuta e di creazione di valore per gli azionisti”, ha affermato Iger. “La nostra ottima performance nell’ultimo trimestre dimostra che abbiamo girato l’angolo”.

Non è chiaro come Peltz contrasterà le mosse della Disney. Un portavoce del finanziere ha minimizzato la notizia, dicendo a DealBook: “Abbiamo visto questo film l’anno scorso e non ci è piaciuto il finale”. Per conquistare gli investitori, l’investitore attivista dovrà fare buchi nei nuovi impegni della Disney. Ricorderà alla gente l’azienda storia movimentata degli investimenti nei videogiochi? Continuare a tormentare Iger sulla successione?

Si prevede che Peltz pubblicherà presto uno dei suoi white paper, in cui spiegherà in modo più completo il suo caso agli investitori, anche se il suo portavoce ha rifiutato di commentare i tempi.

  • In altre notizie sui media: secondo quanto riferito, la NFL e la NBA sono state colte di sorpresa dalla nuova impresa di streaming sportivo annunciata da Disney, Fox e Warner Bros. Discovery.

SoftBank riporta il suo primo profitto trimestrale in più di un anno. Il colosso tecnologico giapponese ha superato le aspettative, spinto da enormi guadagni cartacei sulla sua partecipazione nel progettista di chip Arm (sebbene non possa ancora capitalizzare l’impennata del prezzo delle azioni di quella società vendendo le sue azioni) e dagli investimenti effettuati dai suoi Vision Funds.

I prezzi al consumo crollano in Cina. Secondo i dati del governo, il mese scorso i prezzi sono scesi dello 0,8% su base annua, il tasso più veloce degli ultimi 15 anni. Ciò è stato peggiore delle aspettative degli analisti e ha aggiunto alle preoccupazioni sulla deflazione nella seconda economia mondiale.

La Terra estende la sua striscia di calore. Il mese scorso è stato il gennaio più caldo mai registrato, secondo il monitoraggio climatico dell’UE. Gli ultimi dati hanno anche rivelato che il 2023 è stato anche il primo anno intero nella storia moderna in cui l’aumento della temperatura media mondiale ha superato 1,5 gradi Celsius, un livello che gli scienziati considerano critico per il cambiamento climatico.

Il debito nazionale degli Stati Uniti potrebbe raggiungere i 54mila miliardi di dollari nel prossimo decennio. Secondo il Congressional Budget Office, apartitico, il governo federale è destinato ad aggiungere quasi 19mila miliardi di dollari al suo carico di debito mentre è alle prese con l’invecchiamento degli americani e l’aumento delle spese per interessi. Gli sforzi per rallentare la crescita della spesa federale stanno aiutando, ha scoperto l’agenzia, ma è probabile che il paese accumulerà più debito rispetto al PIL che in qualsiasi altro momento della sua storia.

Giovedì mattina è tornata una certa calma per i titoli bancari regionali, dopo un giro sulle montagne russe per il New York Community Bancorp, ma gli investitori restano diffidenti nei confronti dei problemi che gli immobili commerciali continuano a porre ai piccoli istituti di credito.

Mercoledì la NYCB ha cercato di rassicurare gli investitori: dopo che Moody’s ha declassato il proprio rating di credito a seguito delle perdite sui prestiti legati a condomini e uffici. L’istituto di credito ha annunciato vendite di asset e ha sostenuto che i suoi problemi non erano analoghi alla crisi dell’anno scorso che ha distrutto la Silicon Valley Bank.

Ma le azioni della banca sono scese del 5% nelle negoziazioni pre-mercato a causa delle domande sulle sue finanze a lungo termine. Mercoledì gli analisti della Bank of America hanno declassato il titolo, avvertendo di un “rischio elevato” che i clienti potrebbero ritirare i propri soldi dalla New York City

Crescono le preoccupazioni per gli altri istituti di credito. Le turbolenze alla NYCB hanno puntato i riflettori sul travagliato settore immobiliare commerciale, dove si prevede che la contrazione dei tassi di occupazione degli uffici e gli alti tassi di interesse porteranno a uno tsunami di default a partire da quest’anno. Le banche regionali sono i maggiori finanziatori del mercato.

Barry Sternlicht, l’investitore immobiliare miliardario, ha previsto la scorsa settimana che le perdite sulle proprietà commerciali potrebbero superare i mille miliardi di dollari. E un recente studio del National Bureau of Economic Research ha stimato che fino al 20% di questi prestiti sono a rischio di default, vicino a un livello visto l’ultima volta durante la crisi finanziaria del 2008.

Tali perdite non rappresenterebbero un rischio sistemico per il settore bancario nel suo complesso, secondo João Granja, professore di contabilità presso la Booth School of Business dell’Università di Chicago che ha studiato le crisi bancarie. Sebbene un programma di finanziamento chiave creato dalla Fed l’anno scorso scadrà il mese prossimo, ha detto a DealBook che Washington è stata sempre più creativa nel trovare modi per offrire aiuto.

Ma i problemi nel settore immobiliare potrebbero rallentare i prestiti in generale e ostacolare l’attività economica. “Se le banche iniziassero a revocare questi prestiti a causa dei mancati pagamenti”, ha detto, “tutto potrebbe iniziare a prendere una spirale molto negativa”.

Ciò non è stato sufficiente a smorzare il sentiment più ampio del mercato. L’S&P 500 è a meno dello 0,1% da quota 5.000, sostenuto da un rally alimentato dall’intelligenza artificiale delle azioni dei cosiddetti giganti tecnologici dei Magnifici Sette.


Per Figma, una start-up di software di progettazione in rapida crescita, un’offerta di acquisizione da 20 miliardi di dollari da parte di Adobe prometteva di essere trasformativa, fornendo vaste risorse e offrendo ai dipendenti una manna inaspettata.

Ma il controllo antitrust in Gran Bretagna e altrove ha bloccato l’accordo, con la Figma rimasta con una commissione di scioglimento di 1 miliardo di dollari da parte del suo ex corteggiatore. L’azienda ha cercato di andare avanti, anche ripristinando la sua valutazione interna a 10 miliardi di dollari e offrendo una buonuscita ai lavoratori che volevano licenziarsi, ma il processo non è stato facile, riferisce Erin Griffith del Times.

I sostenitori di Figma, inclusa Sequoia Capital, vedono giorni migliori davanti a sé – anche se, come ha detto un investitore al Times, “probabilmente abbiamo sprecato un sacco di miglia Delta Sky volando avanti e indietro attraverso l’oceano negli ultimi 18 mesi”.

Alcuni venture capitalist hanno affermato che ora hanno fissato un livello più alto per portare avanti una transazione e che si concentreranno sempre più sulla garanzia di ingenti commissioni di scioglimento nel caso in cui gli accordi falliscano.

Ma molti lavoratori hanno avuto momenti più difficiliErin scrive:

I dipendenti di Figma hanno assorbito la notizia che non avrebbero visto una manna dal cielo. Alcuni, che avevano messo la propria vita in pausa in attesa della conclusione dell’accordo, si sono sentiti sollevati di avere chiarezza.

“Chiunque abbia vissuto un’acquisizione, saprà come il periodo del limbo può essere il più difficile”, ha scritto su X Hugo Raymond, un dipendente della Figma.

Il signor Pearson ha detto di aver cercato di non soffermarsi sul valore delle sue azioni Figma, sapendo che l’accordo potrebbe andare in pezzi. Ma è stato difficile, ha detto. Aveva fondato un’etichetta discografica di musica indipendente che intendeva sostenere con i guadagni delle sue azioni.


Lars Fruergaard Jorgensenil capo di Novo Nordisk, ha detto a Bloomberg che i dirigenti “spaventati” stavano chiedendo informazioni sui farmaci dimagranti della casa farmaceutica danese, Ozempic e Wegovy, e quale effetto potrebbero avere sulle loro attività.


La mossa dell’amministrazione Biden di sospendere l’autorizzazione di nuovi impianti di esportazione di gas naturale liquefatto è stata applaudita da coloro che si battono contro il cambiamento climatico e denunciata dall’industria energetica.

La decisione potrebbe offrire indizi su come il presidente Biden calibrerà il suo approccio alle grandi imprese e agli elettori prima delle elezioni e sarà sottoposta a un rinnovato esame in un’audizione al Senato giovedì.

Biden afferma che la mossa riguarda la sicurezza energetica, l’economia e l’ambiente. Uno dei motivi: gli Stati Uniti sono diventati il ​​principale esportatore di GNL al mondo dopo che la domanda è aumentata vertiginosamente in Europa in seguito all’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte di Mosca nel 2022 e gli alleati americani hanno cercato alternative all’energia russa.

La pausa ha lo scopo di offrire il tempo per esaminare l’effetto delle esportazioni di GNL sui costi energetici e sul cambiamento climatico, una delle principali preoccupazioni per i progressisti e gli elettori più giovani. Alcuni settori economici statunitensi, tra cui quello chimico, siderurgico, alimentare e agricolo, affermano anche che le esportazioni senza restrizioni potrebbero aumentare i prezzi del GNL in patria.

I politici si stanno surriscaldando. I dirigenti affermano che la mossa della Casa Bianca è uno stratagemma politico in un momento in cui Donald Trump, che guida la corsa per la nomina repubblicana, ha promesso di aumentare la produzione di combustibili fossili se sarà rieletto. I dirigenti affermano inoltre che il GNL svolge un ruolo chiave nella transizione dai combustibili più sporchi come il carbone.

L’udienza di giovedì approfondirà le differenze. Tra quelli che dovrebbero comparire c’è David Turk, il vice ministro dell’energia.

I membri del comitato avvertono che la decisione è un errore. Il senatore John Barrasso, repubblicano del Wyoming, grande produttore di GNL, ha affermato che la mossa danneggerebbe gli alleati e aumenterebbe i rivali. “Joe Biden sta spingendo i nostri amici tra le braccia di avversari come Russia e Iran, che saranno fin troppo felici di prendere il nostro posto nel mercato”, ha detto a DealBook.

Offerte

  • Il magnate degli hedge fund Bill Ackman prevede di creare un veicolo di investimento quotato in borsa per gli investitori al dettaglio. (CNBC)

  • Le azioni della Soho House sono scese fino al 30% dopo che un venditore allo scoperto ha affermato che il prezzo delle azioni dell’hotel di lusso e del gestore di club per soci dovrebbe scendere a zero. (Bloomberg)

Politica

Meglio del resto

  • Secondo quanto riferito, i documenti del tribunale mostrano che Jes Staley, l’ex amministratore delegato di Barclays, ha mantenuto i contatti con l’autore di reati sessuali Jeffrey Epstein per anni dopo che questi aveva affermato di aver tagliato i rapporti. (Bloomberg)

  • La società di pubbliche relazioni Brunswick Group ha assunto Henry Timms, ex capo del Lincoln Center for the Performing Arts, come nuovo CEO (FT)

Ci piacerebbe il tuo feedback! Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.


You may also like

Leave a Comment