Portada » Cosa potrebbe perdere Elon Musk dopo che il suo accordo Tesla Pay è stato bloccato

Cosa potrebbe perdere Elon Musk dopo che il suo accordo Tesla Pay è stato bloccato

by Isabella Walker
0 comment

Un insolito pacchetto retributivo ideato da Tesla nel 2018 ha contribuito a rendere Elon Musk l’individuo più ricco del mondo.

Ma la sentenza di un giudice del Delaware secondo cui l’accordo era ingiusto nei confronti degli altri azionisti di Tesla solleva interrogativi su molto di più del patrimonio netto di Musk, compreso il controllo delle sue società e la sua capacità di finanziarle – e su come vengono pagati i leader aziendali.

Il retroscena: Nel 2018, Tesla ha stabilito 12 traguardi legati alla capitalizzazione di mercato, ai ricavi e agli obiettivi di profitto che Musk doveva raggiungere per qualificarsi per un pacchetto azionario che ora vale oltre 50 miliardi di dollari. Gli esperti pensavano che sarebbe stato impossibile colpirlo. Eppure Musk – che all’epoca disse ad Andrew che Tesla avrebbe raggiunto una capitalizzazione di mercato di 1 trilione di dollari entro un decennio – ce l’ha fatta. (Non ha ancora preso possesso delle azioni.)

Gli azionisti, tuttavia, hanno fatto causa, sostenendo che il piano è stato ideato ingiustamente, con Musk che essenzialmente ha creato il proprio pacchetto retributivo con l’aiuto degli alleati nel consiglio di amministrazione di Tesla.

Tali azioni rischiano ora di scomparire. “Il processo che ha portato all’approvazione del piano di compensazione di Musk è stato profondamente imperfetto”, ha scritto nella sua decisione la cancelliera Kathaleen McCormick della Court of Chancery del Delaware (che in precedenza è stata schietta nelle udienze con Musk), ordinando l’annullamento del contratto.

C’è molto in gioco:

  • Vengono poste domande sull’indipendenza del consiglio di amministrazione di Tesla mentre i direttori della casa automobilistica valutano una richiesta di Musk Di più controllo dell’azienda, per timore che inizi a spostare progetti di intelligenza artificiale tanto attesi in altre parti del suo impero commerciale.

  • Musk ha stipulato prestiti con margine azionario per finanziare parti del suo impero commerciale. Potrebbe avere più difficoltà a trovare contanti se X ha bisogno di più soldi, ad esempio.

  • E gli esperti di corporate governance affermano che la sentenza è un avvertimento per gli altri leader aziendali. “Ciò dimostra che esiste qualcosa come un compenso eccessivo”, ha detto al Times Sarah Anderson dell’Institute for Policy Studies, un gruppo di ricerca progressista.

Alcuni esperti legali ritengono che qualsiasi appello di Musk debba affrontare probabilità difficili. Probabilmente farà appello alla Corte Suprema del Delaware, dicono. Ma Eric Talley, professore alla Columbia Law School, ha detto a DealBook che cancellieri come McCormick hanno storicamente un’ampia discrezionalità per pronunciarsi su tali punizioni.

La sentenza potrebbe anche avere conseguenze più ampie per il Delaware. Ann Lipton, professoressa alla Tulane University Law School, ha detto a DealBook che i politici del Delaware potrebbero essere preoccupati che la decisione possa spingere altre società a lasciare lo stato, da lungo tempo sede delle aziende americane. (“Non incorporare mai la tua azienda nello stato del Delaware”, Musk ha pubblicato su X martedì tu .)

Ma Lipton ha aggiunto che la Corte Suprema del Delaware “non può esserlo visto prendere decisioni basate su tale considerazione.

Universal Music minaccia di ritirare la sua musica da TikTok. L’etichetta discografica, casa di Taylor Swift e Drake, ha detto che potrebbe ritirare le sue canzoni dalla piattaforma dei social media, nel corso delle trattative per rinnovare un accordo di licenza. Universal Music ha accusato TikTok di offrire troppo pochi soldi e di adottare strumenti di intelligenza artificiale che potrebbero violare i diritti degli artisti.

I CEO della tecnologia si recano a Capitol Hill per testimoniare sulla sicurezza dei bambini. I leader di Discord, Meta, Snap, TikTok e X, tra cui Mark Zuckerberg e Linda Yaccarino, dovranno affrontare le domande di una commissione del Senato sugli sforzi delle loro aziende per fermare la diffusione di materiale pedopornografico online e sul loro lavoro a tutela della salute mentale. La questione è un punto di rara cooperazione bipartisan; alcuni legislatori hanno proposto di rendere un dovere legale la protezione dei minori.

Secondo quanto riferito, il colosso petrolifero dell’Arabia Saudita valuta una vendita di azioni di successo. Aramco sta lavorando a una potenziale offerta successiva che potrebbe raccogliere almeno 10 miliardi di dollari, che molto probabilmente sarebbe tra le più grandi transazioni di questo tipo degli ultimi anni, secondo Bloomberg. I proventi contribuirebbero a finanziare gli ambiziosi sforzi del regno per trasformare la sua economia, anche attraverso investimenti nello sport e altro ancora.

Gli utili di Microsoft aumentano, ma le vendite di annunci di Google sono inferiori. Microsoft ha riportato profitti trimestrali nettamente più elevati, alimentati in gran parte dai forti ricavi del cloud legati alle vendite di servizi di intelligenza artificiale, ma ha avvertito dell’aumento dei costi legati alla tecnologia nel 2024. Alphabet, la società madre di Google, ha riportato ricavi complessivi più elevati, ma ha rivelato le vendite di annunci in Google che ha deluso le aspettative degli analisti. Le azioni di entrambe le società sono in calo nelle negoziazioni pre-mercato.

Il PGA Tour ospiterà una chiamata con i suoi giocatori mercoledì alle 9:30 Est, secondo i documenti visti da DealBook, e si prevede che annuncerà un grosso accordo finanziario con investitori statunitensi di alto profilo.

Qualsiasi accordo fornirebbe un notevole impulso finanziario al circuito del golf, ma non risolverà le grandi domande che incombono sul suo futuro.

Gli investitori sono il who’s who di Wall Street e dei proprietari di sport. Includono Fenway Sports Group, proprietario dei Boston Red Sox della Major League Baseball; Marc Lasry, il magnate degli hedge fund ed ex proprietario dei Milwaukee Bucks della NBA; Tom Ricketts, il presidente dei Chicago Cubs; Steve Cohen, il finanziere miliardario proprietario dei New York Mets; e Gerry Cardinale, affarista di lunga data e fondatore di RedBird Capital Partners.

Un simile accordo arriverebbe in un momento turbolento. Sarebbe stato annunciato dopo che il Tour avesse raggiunto un accordo provvisorio con LIV Golf, un rivale sostenuto dall’Arabia Saudita che ha preso di mira i migliori giocatori della PGA con la promessa di enormi buste paga. Ma le due parti non hanno ancora raggiunto un accordo definitivo su come collaborare.

La politica di un collegamento PGA Tour-LIV sta diventando più delicata. Una sottocommissione del Senato ha citato in giudizio i consulenti statunitensi che lavorano con il Public Investment Fund, il fondo sovrano saudita che sostiene la LIV. Una lettera a Yasir al-Rumayyan, il capo del PIF, lo accusava di soffocare i suoi tentativi di indagare sull’accordo proposto dai circuiti di golf.

Ma il denaro degli investitori americani non durerà a lungoe molto probabilmente cercheranno un ritorno finanziario.

Al contrario, i sauditi sembrano disposti a investire enormi quantità di denaro nella LIV e nelle loro altre attività sportive – e a sopportare le perdite per molto più tempo.

Un’altra domanda: chi gestirà l’organizzazione? Il PGA Tour Policy Board, che comprende direttori e giocatori esterni, ha dovuto affrontare la sfiducia dei giocatori da quando una manciata di suoi membri ha negoziato segretamente l’accordo con il fondo patrimoniale saudita.

L’accordo con gli investitori statunitensi potrebbe offrire un modo per scuotere il consiglio che di fatto gestisce il Tour. I giocatori, che hanno assunto il proprio banchiere per consigliare l’accordo, cercheranno di estromettere i direttori del PGA Tour coinvolti nell’accordo LIV, inclusi Ed Herlihy e Jimmy Dunne?


Avrebbe dovuto essere un grosso problema per Nikki Haley ottenere a Donazione di 5 milioni di dollari da parte di Ken Griffinil finanziere miliardario e benefattore repubblicano.

Ma il magnate degli hedge fund ha anche riconosciuto che le probabilità che lei vinca la nomina presidenziale repubblicana non sono buone, ultimo segnale che il partito si aspetta sempre più che Donald Trump sia di nuovo il suo candidato.

Griffin ha dato il suo sostegno ad Haley, con alcuni avvertimenti. “L’America sarebbe ben servita da qualcuno con le sue credenziali in politica estera e le sue priorità politiche alla Casa Bianca”, ha detto alla CNBC in una nota. Si unisce ai giganti di Wall Street come Stanley Druckenmiller, Henry Kravis e Cliff Asness nel sostenere l’ex governatore della Carolina del Sud.

Ma Griffin ha aggiunto che “continuerà a concentrarsi sul sostegno attivo ai candidati alla Camera e al Senato degli Stati Uniti”, una posizione simile assunta dalla rete politica affiliata alla famiglia Koch. Tra coloro che Griffin sta sostenendo c’è David McCormick, l’ex amministratore delegato di Bridgewater Associates che è in corsa per un seggio al Senato in Pennsylvania.

E Griffin ha offerto molti elogi a Trump. “So che molti di noi, me compreso, lottano con alcuni comportamenti di Trump”, ha detto alla CNBC. “Ma con lui come presidente c’era una dimensione di maggiore sicurezza globale, in particolare rispetto agli interessi degli Stati Uniti”.

Vale la pena notare che Trump ha minacciato di inserire nella lista nera i donatori repubblicani che hanno continuato a sostenere Haley dopo aver perso le primarie del New Hampshire a doppia cifra.

  • Passando ad altre notizie elettorali: lo scorso anno Trump ha speso circa 50 milioni di dollari in fondi elettorali per le sue spese legali e relative alle indagini. E dal 2022, il marchio di abbigliamento outdoor Patagonia ha distribuito oltre 71 milioni di dollari a favore della conservazione e delle cause democratiche.


Le società che si quotano in borsa devono far fronte a una serie di regole rigide, ma hanno molta discrezionalità nel valutare le loro opzioni azionarie prima della quotazione. Ciò ha consentito a molti di loro di offrire agli alti dirigenti opzioni a basso prezzo nelle settimane precedenti un’IPO, quando hanno una buona idea di dove probabilmente verranno scambiate le loro azioni ma prima che entrino in vigore le norme che regolano tali sovvenzioni, secondo un nuovo documento accademico.

Sven Riethmueller, il professore della Yale Law School che ha ideato la ricerca, ha esaminato 121 aziende biotecnologiche dirette verso una IPO dal 2017 al 2021. Ha scoperto che 74 hanno emesso opzioni nei 90 giorni precedenti il ​​loro debutto pubblico, con uno sconto medio del 48% del prezzo di listino. prezzo finale dell’IPO delle società.

Prezzando le opzioni all’ultimo minuto, una pratica che Riethmueller chiama “sconto delle opzioni dell’undicesima ora”, le aziende quasi garantiscono che i dirigenti avranno una manna inaspettata il primo giorno di negoziazione, scrive Maureen Farrell del Times:

Per le società private, la SEC richiede che il prezzo delle opzioni sia basato sul calcolo di un “prezzo di mercato atteso”, poiché non esiste negoziazione pubblica. Le società private in genere tengono informata la SEC in modo confidenziale sui numeri dei loro compensi dirigenti nel periodo precedente alla loro IPO

Ma Riethmueller ha detto che l’autorità di regolamentazione raramente mette in discussione le ipotesi di una società su come ha calcolato il valore delle sue azioni o opzioni, sulla base della sua revisione delle lettere riservate tra le società e l’autorità di regolamentazione. La SEC si comporta “come un padrone di casa assente”, ha detto.

Le aziende cercano di fissare un prezzo di mercato basso previsto per far sì che le opzioni scontate appaiano meno eclatanti agli occhi delle autorità di regolamentazione, ha affermato Riethmueller.

Offerte

  • Secondo quanto riferito, il magnate dei media Byron Allen ha offerto 14 miliardi di dollari per la Paramount Global, offrendo un grande premio per le azioni votanti dello studio. (Bloomberg)

  • L’agenzia di talenti WME ha annunciato un accordo con la società tecnologica Vermillio per proteggere i propri clienti dall’intelligenza artificiale utilizzata per rubare la loro immagine o la proprietà intellettuale. (NYT)

Politica

  • Una coalizione di gruppi imprenditoriali ha fatto causa alla California per annullare una legge statale che imporrebbe ad alcune aziende di segnalare le proprie emissioni di gas serra. (WSJ)

  • Le autorità cinesi stanno intensificando la repressione nei confronti dei commentatori che criticano l’economia. (NYT)

Meglio del resto

  • Novo Nordisk è diventata la seconda azienda europea a superare i 500 miliardi di dollari di valore di mercato grazie alle vendite di successo del suo farmaco per l’obesità Wegovy. (Bloomberg)

  • “È diventato più costoso combattere gli abusi aziendali” (The Lever)

Ci piacerebbe il tuo feedback! Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.


You may also like